Trekking nel Gusto
Rifugio Ciampolin & Rifugio Contrin

La tua estate in Val di Fassa non è mai stata così gustosa!

Per questo 2021 qui all’Hotel Italia Canazei abbiamo pensato a tante novità per te che ami la montagna, abbandonarti alla tranquillità delle escursioni e goderti la buona cucina locale.

Un assaggio dell’estate 2021 all’Hotel Italia Canazei

Nell’ultima uscita del nostro [HI] Digital Magazine ti ho raccontato della nostra nuova – e buonissima – idea dei Trekking nel Gusto.
Riassumendo, sono quattro diversi itinerari con tre caratteristiche in comune:

  • itinerari semplici, con diverse possibilità di trekking adatte a tutti
  • rifugi tipici, dove provare i migliori piatti della cucina ladina
  • paesaggi mozzafiato, che difficilmente dimenticherete

Oggi ti racconto di altri due rifugi, sono il terzo ed il quarto selezionati per questa iniziativa.
Nel caso ti fossi perso i primi due non ti preoccupare, basta cliccare QUI.

Il rifugio Ciampolin

Tranquillità vista Sassolungo

Una straordinaria vista del Sassolungo e della Val di Fassa, da ammirare da una comoda sdraio, con la soddisfazione della camminata che si mescola alla sazietà della cucina del rifugio Ciampolin. Oggi vi raccontiamo di questo tipico e tranquillo rifugio di montagna, il terzo della nostra iniziativa Trekking nel Gusto.

Dalla nota cortesia del personale all’originalità delle ricette proposte, il Rifugio Ciampolin è una meta da non perdersi quando sei a Canazei.
Gli interni sono molto curati, in tipico stile rustico alpino, aggiungono atmosfera alla bontà dei piatti, quella Ladina, accogliente e autentica. Ma il vero punto forte di questa meta è indubbiamente l’esterno. La loro terrazza è nota per la meravigliosa vista che propone a chi si trova lì anche di passaggio: Sassolungo, Piz Ciavazes e Sas Pordoi assieme ad uno sguardo dall’alto alla Val di Fassa è ciò che vi si apre davanti agli occhi. Ti sfido a non fare neanche una fotografia quando sarai lì: provare per credere, è impossibile anche solo da dimenticare questo magico luogo.

Uno dei posti da non perdere quando vi trovate a girovagare per la Valle, stupendo sia in estate che in inverno.
Nel menù [Hi] dedicato agli ospiti che scelgono il Trekking del Gusto, troverete cibi tipici della zona, sono tutti deliziosi e variano spesso essendo preparati al momento. La simpatia della proprietaria e del personale vi faranno sentire piacevolmente in vacanza!
Una particolarità del rifugio sono le tante sorprese degli ovetti Kinder che hanno come complemento d’arredo.

Il rifugio Ciampolin è una sosta obbligatoria a fine pasto per le grappe, quella barricata pare sia ottima, ma lasciamo a te e alle tue velleità degustative, questa piacevole scoperta.

Come arrivarci a piedi

Dall’Hotel Italia Canazei si sale a sinistra verso “Streda de Ruf de Antermont” e passando a fianco della chiesa e di una pittoresca abitazione si esce dal paese di Canazei.
Si continua per la stradina asfaltata che corre a fianco del rio (Ruf de Antermont).
Arrivati al ponte sul fiume è bene fare attenzione ad imboccare la via corretta, in questo caso il sentiero 627 in direzione del Passo Pordoi. Si continua poi immersi nella natura, dove ogni passo è liberatorio e una nuova scoperta e, a brevi tratti, rasenta la SS48 delle Dolomiti.
Si segue il segnavia fino a raggiungere il Rifugio Ciampolin in poco più di un’ora. Il ritorno si fa sulla stessa via dell’andata.

Come arrivarci ancora più velocemente

Se si volesse raggiungere il rifugio in modo più rapido, per qualsiasi motivo è possibile farlo in due modi.

In auto

Raggiungere questo rifugio è possibile anche in auto, percorrendo la SS delle Dolomiti in direzione Passo Pordoi fino alla località Pecol, poi in poco più di 10 minuti di camminata si giunge a desinazione.

In cabinovia

È possibile raggiungere il rifugio anche utilizzando la Telecabina Canazei Pecol. Dalla stazione a monte in località Pecol si segue il sentiero che sale in 10 minuti al Rifugio Ciampolin.

Attrezzatura che vi consigliamo 

Scarponcini, giacca antivento, indumenti di ricambio.
Ti consiglio di portare la macchina fotografica.

Il rifugio Contrin

Una lunga storia ai piedi della Marmolada

Tra le verdi cime dei pini immerse in fitti boschi e i prati fioriti ai piedi della Regina delle Dolomiti, la Marmolada, trova un po’ di spazio il rifugio Contrin.
Si trova a 2016 mt. la quarta e ultima delle nostre destinazioni di questa settimana di Trekking nel gusto.

Il rifugio si trova in cima alla Valle di cui porta il nome, la Val Contrin a Canazei di Fassa. Un luogo mediamente semplice da raggiungere con una vista imperdibile su alcune delle più belle e conosciute cime Dolomitiche, come il Gran Vernel, Cima Ombretta e Cima Uomo.
Una lunga storia contraddistingue il rifugio Contrin: diventato un fortino austriaco e distrutto durante la Grande Guerra, è stato ricostruito nel 1926 permette ancora di vivere un po’ della lunga tradizione che si con la piccola cappella costruita nel 1930 conservata con cura fino ad oggi.


Da quel momento il rifugio Contrin rinasce come punto di riferimento per gli escursionisti che cercano una gustosa sosta in Val Contrin.
La cucina del rifugio è infatti nota per la bontà e la cura dei loro piatti ladini. Questa tappa dei Trekking nel Gusto è la più impegnativa, ma la fatica viene ripagata: il rifugio Contrin ha il profumo delle grappe alpine e delle erbe aromatiche, la delizia dei ravioli con formaggio di Malga e tagliatelle alla selvaggina, la bontà dei taglieri di affettati e della polenta, accompagnata dalla dolcezza delle meravigliose torte fatte in casa. Immersi nel verde dei pascoli e con la compagnia delle marmotte che vivono nella zona, potrete terminare il pranzo godendo di uno dei paesaggi più indimenticabili di tutta la Val di Fassa sdraiati sulle comode sdraio sotto al sole che brilla nel cielo azzurro.

Come arrivarci a piedi

La partenza è da Alba di Canazei, vicino alla funivia del Ciampac.

Si percorre il sentiero 602 che inizia ripidamente nel bosco, su una strada sterrata con molti larghi tornanti che conduce alla Baita Locia de Contrin. La salita prosegue dolcemente fino alla Val Contrin, dove inizia il tratto più suggestivo di tutta la passeggiata: verdi vallate si estendono fino al Sassolungo, con tante mucche animali al pascolo. Ancora un ultimo sforzo nel bosco e si raggiunge il rifugio Contrin, in poco meno di due ore.
Il ritorno si fa sulla stessa strada.

Con la nostra Hotel Italia Card potrai scegliere i nostri Trekking del Gusto:
per te 3 buoni pasto a persona che puoi utilizzare nei rifugi convenzionati. Ti raccontiamo le novità che abbiamo pensato nell’articolo sulle novità dell’estate 2021.


Speriamo che questa iniziativa vi piaccia questa e vi porti un po’ nella nostra meravigliosa Val di Fassa, in attesa di poterci vedere di persona. Continuate a seguirci sul nostro [HI] Digital Magazine per essere sempre aggiornato sulle iniziative e le idee di Hotel Italia Canazei.